Una domenica bestiale

Primo. Sofferenza: alzarsi prima di quanto si avrebbe voluto.
Secondo. Fatica: cercare di mantenere un dignitoso contegno nell’uscire con una polo di cotone quando si avrebbe voluto indossare un piumino duepiazze strettamente avvolto alle membra, testa compresa.
Terzo. Errore: rendersi conto, al momento di tornare a casa sotto una pioggia decisa e tenace, che l’incoscienza mattutina ci ha fatto scegliere la bicicletta come mezzo di locomozione e aver voglia di piangere.
Quarto. Incoscienza: voler fare shopping con un’amica e realizzare, nell’attimo in cui si mette mano alla borsa, che non si hanno denari. Chiedersi successivamente il senso di certi impulsi. Battere in ritirata con la coda tra le gambe.
Quinto. Problema: gli indumenti ammassati sul divano che guardano male, anzi malissimo, e il ferro da stiro che, oltre a crearmi intensi momenti di calore ad un certo punto mi blocca la lavatrice e si fa mollare lì fino a nuova data da destinarsi. Aver, di nuovo, voglia di piangere.
Sesto. Disastro: inciampare casualmente in un filo (ma il caso non esiste) e accorgersi di aver divelto malamente la malferma piastrina di una presa elettrica. Pensare che basta un niente per restare folgorati e averne così paura da sentire l’elettricità anche senza toccar con mano. Impegnare almeno un’ora di tempo per aggirare le leggi fisiche e contenere il tutto senza farsi male. Rimpiangere di non avere marito.
Settimo. Stress: organizzare la settimana e soffrire già in anticipo per le incombenze di martedì, mercoledì e giovedì. Perdere tempo per pensare cose già pensate, decise, programmate. Soffrire all’idea che le prenotazioni della sottoscritta per questa o quell’altra serata sono una lusinga ma soffocano.
Ottavo. Barlume di speranza: uscire a cena con amici e ridere a crepapelle, oltre che riempirsi goduriosamente la pancia. Presagire, nel contesto, una vacanza agitata e divertente.
Nono. Sacrificio immane: ammettere che è la sera giusta per cominciare ad andare a letto ad un ora decente (notate che non è cambiato niente dall’anno scorso, al riguardo…) e impegnarsi per riuscirvi.
E tanto sono ancora qui che scrivo.
Gnau.

6 pensieri su “Una domenica bestiale

  1. ah gatto gatto..ma non vedi che fai di tutto per andare contro la tua natura felina?!
    Primo: un gatto si alza sempre un po’ dopo e sempre per un valido motivo che spesso prende le sembianze di una crocchetta.
    Secondo. un gatto non esce, se c’è freddo, ma va in cerca del piumino ci fa su un paio di paste e ci crolla addosso, testa compresa.
    terzo: what’s bicicleta?
    quarto: la coda tra le gambe sussiste solo nel momento in cui il gatto prende forma di ciambella. se no sempre coda ben ritta!
    cinque: w gli indumenti ammassati sul divano. buttarcisi a capofitto, lanciarne qua e là una buona parte e ronfare sui capi più pregiati..certo che se qualcuno li ha già stirati ancora meglio..con quel caldino che viene su..
    sesto: se fai un danno, non stare lì a cercare di risolverlo. anzi approfittante per guardarti intorno con aria indiferente ed innocente. mai rimpiangere niente.
    settimo: perchè programmare?! seguiamo l’istinto di seguire la scatoletta migliore..
    ottavo: ecco finalmente che ti riconosco! così entri nella filosofia gattesca
    nono: la notte è fatta per stare in piedi sulle quattro zampe e rompere a chi cerca di andare a dormire.
    tutto questo l’ho imparato dalle mie gatte.
    per quanto riguarda la pratica, citofonare più in là!

    Mi piace

  2. E’ vero! Mica siamo nati per soffrire!
    E’ vero! Sto tradendo la mia vera natura!
    Questo commento mi libera il respiro.

    Jenny la golfista, casso, è vero!
    Hai vinto una birretta.
    (la pallina te l’ho già regalata tempo fa)
    frrrrrrrrrrrrrrrr

    Mi piace

  3. C’era una volta una gatta
    che aveva una macchia nera sul pube
    e una tetta vicino ad un’altra tetta
    e da una finestra metteva il culo all’insù
    na na na na na

    Se la chitarra suonavo
    la gatta faceva le fusa
    ed una zampina mi dava, supina, micina
    poi mi sorrideva e se ne tornava su

    Ora non viene più là
    tutto è cambiato, il gatto è più interiore
    ha un blog bellissimo e con tanto amore
    ci scrive ogni giorno di più

    Ma ho ripensato a una gatta
    che aveva gli occhietti neri e un musetto
    e una chioma scura da lupa nera
    con una stellina che alla sera vedo di più

    Mi piace

  4. Gino Paoli!
    Cosa sono queste sconcerie??
    Ma quale macchia nera?
    Psycho!
    Però è vera una cosa. Lo scrivere con amore.
    Del resto senza amore nulla si muoverebbe.
    E noi si sa che quello che muove è l’Higher Love (si scrive così?).
    Sai che ti dico? Che i DM li abbiamo inventati noi.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...