Ancora pomeriggi (1995)

La scusa è quella di una salute incerta.
In realtà è uno di quei sabati.
Quei sabati che ce n’è uno, massimo due, all’anno.
Le cose da fare sarebbero tante.
Dentro e fuori casa.
Ma non riesco a fare, non riesco a leggere, non riesco a pensare, non riesco a volere n i e n t e.

E’ bello girare a vuoto, cedere all’inerzia.
Camminare lungo un’incerta direzione che si frammenta, decade, guizza in improvvisi riccioli e delicatamente sposta placide folate di niente.

L’attenzione acquisisce ulteriore profondità e gli occhi si posano su spazi inconsueti, angoli dimenticati, vuoti che paiono in realtà molto pieni.

Una lancia di luce spacca la penombra e osservo con una certa apprensione il pulviscolo che danza per aria.

Distolgo lo sguardo e mi butto sul divano, gli occhi al soffitto.
Poi di lato.
Gli oggetti all’improvviso diventano sconosciuti, i parametri si alterano, le poche certezze si sfaldano e il processo mentale torna dritto all’infanzia.
Una soffice nuvola di meraviglia nutre il mio cuore e la giornata acquista un senso.

Mi alzo.
Vado fino a metà corridoio, ma poichè non ricordo dove stavo andando, torno indietro e mi risiedo.

Ecco.
Il dialogo con un presunto malessere fisico è una sfida: a chi riesce una maggior sfiancante lentezza.
A volte vinco io.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...