Appuntamento con il mostro

Sale dal cuore come uno spavento.
Ma lo fa lentamente, ad intervalli, con un fare progressivo.
Si traveste da malessere fisico ma io lo riconosco ormai:
attanaglia alla gola come nessun male sa fare.
Inizia come un fastidio, diventa una tensione e irrompe in un lento,
profondo, opulento spasmo.
Una contrazione, una specie di orgasmo quasi, una condensazione velocissima di mille emozioni trattenute, sfociano in un pianto catartico
che non so e non voglio arrestare.

Mi sforzo di trovare un volto a questa cosa che ho dentro
e che pare un’intrusa, una dissonanza estranea.
La interrogo, la guardo, la chiamo. Insisto.
E quando finalmente si volta, con non poco sgomento scorgo me.

Integrare una parte della propria ombra, abbracciare le nostre paure,
accettare il proprio esistenziale No per trasformarlo in Vita
è l’operazione alchemica più difficile, dolorosa e bella che ci sia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...