La pozione del giovedì notte

Il segreto dei segreti: l’immaginazione.
Ne ho a pacchi. Sono un’iperdotata di fantasticaggine.
Mi è stato insegnato il modo giusto.
Ma mi distraggo e lo perdo di vista.

Il ciclo creativo è immaginazione, consapevolezza, volontà.
Vivere l’evento nella propria mente non basta, anche se è il primo passo fondamentale.
Cosa manca al sognatore per far precipitare nella realtà il suo agognato piano?
La consapevolezza della tensione che intercorre tra il punto di partenza – desiderio e l’obbiettivo finale – l’incarnarsi dell’intento, il suo divenire tangibilmente reale.

Per la mente non c’è differenza tra il reale e l’immaginato.
La realtà agita nella mente e quella agita nella materia equivalgono e vengono entrambe considerate “vissuto”. Senza un’adeguata azione intenzionale consapevole, la fantasticheria si sviluppa e risolve sul piano mentale restando un film fatto e finito poiché le minuziose suggestioni immaginate ingannano la psiche e la portano a non ritenere necessario l’accrescimento delle abilità sostanziali e degli impulsi volitivi per agire nella materia.

L’essere, il fare, l’avere.
L’essere senza il fare, non produrrà mai l’avere.

Da tempo, è questo in cui manco.
Rendermi conto di un notevole margine di rischio mi conferma il succulento valore intrinseco dell’esperienza desiderata.
Aspettare ancora è da idioti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...