Soluzioni

20121212-171146.jpg
Oscillo tra l’Amore e una bruciante infinita povertà.
Si capisce dov’ero ieri. E si capisce che oggi no.
Non sto a fare il solito quadretto di metafore e spiegazioni per dire cosa mi succede, per far sapere quanto sanguino, da quanto tempo e quanto male fa, perché non è divertente e, alla lunga, divento noiosa.
Ma dopo tanta esperienza – siccome posso piangere a comando, pulirmi correndo, respirando, posso restare immobile quando dentro la frana è nel suo pieno precipitare – mi sento di poter dire una cosa:
ormai sono padrona del mio corpo fisico.

Questo è solo il primo passo.
Poi, in teoria, ci sarebbe la padronanza mentale.
La quale permetterebbe una quieta osservazione della sfera emozionale.
Osservare e, nell’atto di portare alla luce, automaticamente dissolvere e/o trasmutare.
Permetterebbe inoltre di aprire gli occhi su tutta una serie di cose in modo da saper impedire danneggiamenti ed autodanneggiamenti della sottoscritta.
Parliamoci chiaro: sono tutti auto-danneggiamenti.
Niente e nessuno possono farti male più di una volta senza il tuo permesso.
(Peccato che tu non ci sei, quando è ora di fare determinazioni.
E nella confusione del momento, sul palcoscenico ci va la tua identità peggiore: quella meno adatta al caso.)
Alla seconda occasione, il male tollerato è già meritato.
E te lo sei fatto proprio tu.
Quindi? Quindi niente.

Ma non faccio prima a diventare una stronza inveterata?

2 pensieri su “Soluzioni

  1. Razionalizzare la sfera emotiva è un controsenso, ma non essere in grado di farlo porta a gesti auotlesionistici. Io a volte mi chiedo: ma non sarà che soffrire in fondo mi piace? Forse se le cose fossero più facili, se l’amore fosse un lungo fiume tranquillo sarei già annegata nella noia…

    Mi piace

    1. Ho avuto anch’io questo dubbio. Anche una mia amica me lo ha chiesto. Forse c’e qualcosa di antico che ha a che fare con uno stupido senso di non-merito. Non ne sono certissima ma credo comunque che la mia risposta sia no. Infatti se non reggo, pur cantando a squarciagola le mie tragedie, prima di lasciarci le penne alzo le tende. Forse sono solo ambiziosa. Ho ottimi progetti ma dimentico spesso che la strumentazione a disposizione è ancora da raffinare.. E poi combattere e faticare si. Ma a fuggire prima della maturazione di una crescita che comunque ci è stata proposta dalla vita, si rimanda soltanto. Credo. Ciao 🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...